Città imperiali del Marocco 

Un tour per le città imperiali in Marocco Rabat, Fez, Casablanca, Marrakech e Meknes alla ricerca di tradizioni, l'architettura ei sapori di una terra popolata di storie fascino e fantastiche paesaggi.

Le due città imperiali del Marocco Casablanca e Rabat 

Come in tutti i paesi in cui l'Islam è la religione praticata in Marocco è strettamente legata alla vita di ogni giorno. Le moschee sono postali onnipresenti in ogni città, in ogni città e ogni villaggio. Dall'alto dei suoi minareti, i muezzin chiamano i fedeli alla preghiera, come indicato dalla tradizione islamica. Fare cinque volte al giorno, la prima al mattino presto e nel tardo crepuscolo serale. Guardando verso la Mecca, ovunque si trovino, al momento della chiamata alla preghiera, i musulmani si prostrano sul pavimento e sollevare le loro preghiere ad Allah, unico Signore di tutte le cose.

Considerata la più importante delle città imperiali del Marocco, Casablanca è un ottimo punto di partenza per un giro del paese. Essi combinano modernità e tradizione lì come uno strano mosaico nel quale gli edifici alti e larghi viali alberati convivono con strade tortuose quasi labirintici, intrecciate dietro le mura della vecchia medina.

Tra i molti punti di riferimento della città, il più importante è la magnifica e imponente moschea di Hassan II, il simbolo più sacro di tutto il Marocco e, senza dubbio, uno dei templi religiosi più commoventi del pianeta. Progettato dall'architetto francese Michel Pinseau, si trova su un promontorio di fronte all'Oceano Atlantico e la sua costruzione sono stati spesi più di quindici anni di lavoro e quasi 800 milioni. Il suo nome si riferisce al re Hassan II, questo imponente edificio manager che può ospitare 25.000 fedeli e il cui minareto impressionante è alta oltre 200 metri. Dal momento che di solito proiettato durante la notte un laser la cui illuminare la strada verso la Mecca.

Non lontano dalla moschea di Hassan II è la vecchia medina di Casablanca, sparsi in una anarchica dietro le pareti con diversi ingressi, tra cui il famoso portale di Bab El Jajid nel cuore del centro storico. Con un po 'di denaro in tasca e lo spirito disposto a lunghe trattative, la medina è ideale per tuffarsi in un mare di acquisto, vendita e contrattazione in cui nulla è come sembra e l'ingenuità di un buon affare può aprire la porta a qualcosa di meraviglioso.

Dopo l'ampia strada che conduce dal cancello di Bab El Jadid decine di prodotti di piccole dimensioni aziendali affollati dove è possibile acquistare di tutto accadere, dalle collane lavorati in argento e scatole intarsiate in madreperla di magnifici arazzi di colori in pelle o stuoie molto sorprendente che è popolarmente conosciuta come kilim e sono caratterizzati da disegni geometrici.

a soli 80 km da Casablanca è Rabat, capitale del Marocco. Sulle sponde dell'Atlantico, ha quasi due milioni di abitanti ed è una delle quattro città imperiali del Marocco insieme a Marrakech, Fez e Meknes. L'epiteto imperiale si riferisce a queste città che i quattro erano un tempo capitale del Marocco, un fatto che diventa siti di particolare venerazione. La capitale appuntamento Rabat risalente all'inizio del XX secolo, un momento in cui il paese era diventato un protettorato francese dopo il trattato di Fez, 1912. Dopo aver dichiarato l'indipendenza nel 1956 in Marocco, Rabat ha mantenuto il loro status politico e rimase la capitale del paese.

Città imperiali del Marocco Rabat :

Il più riconosciuto Postcard Rabat Torre di Hassan, il minareto della moschea omonimo costruito dieci secoli fa, quasi per almohade sultano Yaqub al-Mansur. Nei pressi della torre, con una altezza di 44 metri, il mausoleo di Mohammed V, il primo re del Marocco è dietro quella dichiarazione di indipendenza del 1956. A custodia permanente veri soldati di guardia i resti del monarca il cui fantasma, secondo un leggenda, è ancora a camminare di notte luna crescente nei giardini che circondano la sua tomba. Lo fa in sella a un cavallo, silenziosa e fissando alla Mecca.

Piu della Torre di Hassan e questi fantastici storie di fantasmi, Rabat è il posto migliore per gustare l'ottima cucina marocchina. La sua vecchia medina, circondata quasi interamente da più di cinque chilometri di mura di toni rossastri, ha decine di piccoli negozi dove si possono gustare piatti tradizionali come il couscous, tajine o harira, sempre accompagnato da un tè. A pochi dirham, la moneta locale malconcio, sono sufficienti non solo per soddisfare sia lo stomaco, ma soprattutto per gustare la migliore cucina locale in un'atmosfera di assoluta ordinarietà.

La Città imperiali in Marocco Marrakech  :

Marrakech è la più bella e famosa delle città imperiali del Marocco, oltre il luogo più visitato in Marocco. Fondata nel 1062 dagli Almoravidi, era la capitale dell'impero islamico durante il XI secolo, un periodo in cui sono state costruite enormi giardini e palazzi, così come moschee monumentali che oggi non sono più nemmeno rimane, fatta eccezione per il piccolo tempio di Koubba Ba'adiyin in cui i fedeli eseguito le abluzioni prima della preghiera.

Molto vicino al tempio di Koubba Ba'adiyin è l'enorme Djema el Fna, un mondo di irrazionalità caotico in cui vivono giocolieri, incantatori di serpenti, acrobati, contorsionisti ossa sconfitti, aguateros, venditori di protesi usate, indovini tatuaggi policromi e cantastorie.

Vagando tra irrazionalità sontuoso, la logica si arrende senza lotta c'è, si appoggia sempre chiedo. In un angolo, un giovane vestito di rosso recita una storia, accentuando le preghiere e mantenere il silenzio come un grande narratore, mentre la gente ascolta incantato. In un altro, un paio di bambini vestiti di bianco ballare mentre agitando due scimitarre vecchie, quelle sciabole curve che hanno caratterizzato i guerrieri tradizionali musulmani. Qualcosa al di là di un soggetto obeso barbuto suona il suo flauto incantevole per un cobra alza la testa in un cesto di vimini. In successione vivace, immagini di Djema el Fna sembrano strappati da un capitolo del Mille e una notte, un racconto fantastico in cui un principe vola sul suo tappeto magico mentre pensando alle tre desideri che pregherò il Genius, una volta aprire la lampada.

Lo spettacolo esotico Djema el Fna di solito dura fino alle prime ore del crepuscolo serale. Con la notte oscura, il circo stupefacente sta svanendo, echi di storie del passato si spengono, i serpenti tornare alle loro cesti di vimini e cerca quadrati per riconquistare la sua sanità mentale, mentre pieno di bancarelle che vendono pollo poco cotta, patate annegati in pericolo di frittelle e insalate di verdure saturi in olio. Uno di che, uno degli altri, chiedendo alle persone di sfidare fegato. E allora è facile immaginare che stessa notte, arrivando di andare a dormire, molti non possono dormire per dolori di stomaco.

Le Città imperiali del Marocco Fes e Meknes  :

Fez è la più antica delle quattro città imperiali in Marocco, da quando è stata fondata nel 789, pochi anni dopo gli arabi hanno iniziato la loro espansione in Nord Africa, dopo la morte di Maometto. Le sue strade strette, portici labirintici scompaiono sotto le verdure dai mercati di strada, penetrante martellamento dei negozi fabbro e bazar affollati di pentole e bronzo goffrato gestire per confondere in qualche modo, mentre, salto noto dimensioni e soffocare il visitatore in una cartolina vecchio.

Questo clima di storia ancestrale diventa più palpabile è la scioccante Fès el-Bali, la più grande medina del mondo islamico è nato nel secolo VIII, germe della città di Fez. Lì, le macellerie nelle strade espongono le loro grandi blocchi di cammello, mucca o agnello scorticato, appesi a ganci e sempre circondata da eserciti di mosche. E c'è anche la famosa conceria Chouwara dove abbronzato, tinti e pelli secche come mille anni fa. L'odore nauseabondo della pelliccia appesa all'aperto richiede solitamente su tutta la zona circostante la conceria, soprattutto nelle giornate estive. Per proteggere l'odore, è meglio raggiunto un rametto di menta e tenerlo vicino al naso. Nella medina ci sono persone che offrono solo per un dirham.

Meknes, la meno famosa delle città imperiale del Marocco è stato per un breve periodo di 55 anni dopo Sultan Moulay Ismail di diventare la principale città del regno nel 1672. Oggi il suo splendore attende dietro le vecchie mura dell'antica medina che nella sua epoca d'oro è venuto ad avere una quarantina di chilometri di lunghezza. Un terribile terremoto, nel 1755, si è conclusa con molti architettonica dei tempi di Moulay Ismail e immerso la città in un buio meraviglie d'epoca. Fino a quando il governo marocchino ha deciso di ricostruire la gloria perduta, la stessa di oggi rivela soprattutto nel Mechouar, la piazza principale dove Moulay Ismail radunò i suoi famosi reggimenti neri.

Conosciuta come la città imperiali in Marocco delle cento minareti per le sue enormi moschee, Meknes è uno dei siti del Marocco, dove l'Islam è vissuto più fortemente. Come in qualsiasi altra città del paese, le voci dei muezzin diventano una voce enorme e senza fine nelle ore di preghiera. Travolgente, la chiamata alla preghiera dai minareti suona come un lungo lamento, che scuote il corpo e l'anima. E una volta che il silenzio venga, una volta messo a tacere le preghiere dei muezzin, il suono è riverberando in memoria. Per il viaggiatore, si tratta di un eco che non potrà mai dimenticare.